La prigionia – Da Bobbio Pellice a Villafranca Piemonte tra storia e natura

Informazioni

Lunghezza: 40,5km
Dislivello: ↑ 10m ↓ 400m
Durata: 12 ore
Difficolta: Facile

Altimetria

Itinerario GPS

Scarica traccia GPS

Il percorso di sviluppa partendo da Bobbio Pellice, per tre tappe distribuite su 41 km.
Si cammina inizialmente lungo il torrente, sull’Inverso della valle, sul versante sulla destra orografica del torrente Pellice. Camminando si danno le spalle alle vette che chiudono la valle, il Bric Bucie e la punta Fiunira.
Raggiunto Villar Pellice, il cammino ora riprende salendo alla borgata Ciarmis e verso le borgate a mezzacosta sul versante orografico sinistro della valle. Il percorso è quello storico percorso dai deportati durante i rastrellamenti nel maggio del 1686. La strada incrocia il tempio valdese dei Coppieri di Torre Pellice. Successivamente scendendo si incontra la Fondazione Centro Culturale Valdese, dove si può visitare il Museo valdese con le sue sezioni Storica ed Etnografica.
Il cammino prosegue quindi per un breve tratto sulla destra orografica del Pellice, tra i boschi verso il borgo di Luserna Alta, nel Seicento baluardo cattolico. Fu il primo luogo dove furono reclusi i valdesi, in attesa di proseguire il loro viaggio verso le prigioni piemontesi. Camminando ci si allontana sempre più dalle montagne ed è facile immaginare lo struggimento di chi, in quelle valli, aveva casa e terra. Sul percorso si incontrano Bibiana e poi Cavour giungendo quindi al centro cittadino di Villafranca Piemonte, che sorge a breve distanza dal corso del fiume Po. Questo era il punto di partenza dei valdesi che da qui venivano imbarcati per le varie destinazioni di prigionia.

Un Itinerario che può essere percorso tutto l’anno. Primavera ed autunno le stagioni più consigliate, per evitare di correre il rischio di avere freddo o molto caldo.

È un percorso escursionistico che non presenta difficoltà tecniche particolari. È destinato, dunque, a persone di tutte l’età, abituate un minimo a camminare per alcune ore al giorno, e per più giorni consecutivi, con lo zaino sulle spalle.

Vi consigliamo di acquistare la guida Sulle strade dei valdesi. Dalla prigionia all’epico ritorno che è lo strumento migliore per percorrere l’itinerario senza troppe difficoltà. In alcuni casi avere il GPS con sé può ritornare utile. Bisogna però saperlo utilizzare e va caricata in anticipo la traccia integrale del percorso.

– Zaino: dovrebbe avere una capienza massima di 65 l per gli uomini, 55 l per le donne (per le quali sono disponibili in commercio zaini specifici), e pesare tra gli 8 e i 10 kg
– Scarponcini da escursionismo
– Bastoncini: aiutano a scaricare il peso dalle gambe alle braccia, e sono una sicurezza in discesa
– Scarpe leggere o sandali: per il riposo e i tratti di asfalto
– Calze da trekking
– Mutande
– Pantalone lungo e pantalone corto da trekking
– Pantalone leggero da riposo
– 2 Magliette tecniche per camminare, in fibra traspirante: le migliori sono in lana merino
– Maglietta di cotone per la sera e per dormire
– Maglia di pile
– Giacca a vento da montagna
– Coprizaino
– Sacco lenzuolo (il sacco a pelo è superfluo perché si trovano sempre le coperte)
– Asciugamano (meglio se in microfibra)
– Sapone di Marsiglia per lavarsi e lavare i panni
– Spazzolino e dentifricio
– Cerotti per vesciche (consigliato per chi ha i piedi sensibili)
– Kit di pronto soccorso (da trekking, quindi leggero)
– Carta igienica
– Occhiali da sole, cappello e crema per il sole
– Borraccia da litro
– Coltellino multiuso con posate
– Guida del cammino
– Gps con caricabatterie (facoltativo)
– Portafoglio con soldi, carta bancomat e di credito, documenti
– Cellulare e alimentatore

0
CHILOMETRI
0
ANNI DI STORIA
0
PAESI CONVOLTI
0
TIMBRI DISPONIBILI

[/fusion_text]

[/fusion_text]

Lunghezza: 10km
Dislivello: ↑ 180m ↓ 400m
Durata: 3:30 ore
Difficolta: Facile

Scarica traccia GPS

Il percorso segue il fondovalle della val Pellice camminando inizialmente sull’ombroso e boscoso versante destro. Alle nostre spalle si stagliano le vette che chiudono la valle, il Bric Bucie e la punta Fiunira. Oltrepassata Bobbio Pellice, sulla sinistra si apre il varco del Vallone degli Invincibili. I valdesi vi trovarono rifugio nelle imprendibili balze della Gran Guglia. Sul lato opposto la comba dei Carbonieri fu luogo di resistenza sia nel XVII secolo, sia per le formazioni partigiane, tra il 1943 e il 1945. Da Villar Pellice, luogo ideale per spezzare la tappa a metà giornata, il cammino riprende con la salita verso Ciarmis e le borgate a mezzacosta sul versante orografico sinistro. Il percorso è quello storico, da cui passarono i deportati durante i rastrellamenti nel maggio del 1686.
Arrivati sotto la borgata dei Bonnet si scende fino al tempio del Coppieri e poi fino in centro a Torre Pellice, passando davanti al Centro culturale valdese.

Presso il Centro culturale valdese di Torre Pellice è possibile visitare Il Museo Storico valdese dove è posssbile ripercorre la storia della comunità valdese dalle sue origini medievali e racconta la Riforma nel più ampio scenario europeo, dal XVI secolo a oggi.

www.museovaldese.org

Foresteria Valdese

Indirizzo: Via Arnaud, 34, 10066 Torre Pellice TO
Telefono: 0121 91801
Sito web: foresteriatorre.org

Lunghezza: 18,5km
Dislivello: ↑ 60m ↓ 290m
Durata: 5 ore
Difficolta: Facile

Scarica traccia GPS

Il cammino prosegue per un breve tratto sull’Inverso, a destra del Pellice, tra boschi ombrosi, verso il paesino di Lusernetta, nel Seicento baluardo cattolico. Fu’ il primo luogo dove vennero reclusi i deportati, in attesa di proseguire il viaggio verso l’ignoto. Da Lusernetta di attraversa di nuovo il Pellice e si attraversa Luserna San Giovanni per poi dirigersi verso Bricherasio. Mentre camminate tra i meleti, voltatevi indietro, come forse fecero anche loro: vedrete una cerchia di vette scintillanti di neve, a ogni passo più lontane, presto velate dalla foschia della piana. E immaginate lo struggimento di chi, in quelle valli, aveva casa e terra. Dopo aver imboccato e percorso per un pezzo la ciclabile Bricherasio-Barge, ci dirigiamo verso la Rocca di Cavour passando per i frutteti che ci accompagnano quasi fino in centro.

Presso il Centro culturale valdese di Torre Pellice è possibile visitare Il Museo Storico valdese dove è posssbile ripercorre la storia della comunità valdese dalle sue origini medievali e racconta la Riforma nel più ampio scenario europeo, dal XVI secolo a oggi.

www.museovaldese.org

Foresteria Valdese

Indirizzo: Via Arnaud, 34, 10066 Torre Pellice TO
Telefono: 0121 91801
Sito web: foresteriatorre.org

Lunghezza: 12km
Dislivello: ↑ 10m ↓ 60m
Durata: 3:30 ore
Difficolta: Facile

Scarica traccia GPS

Le antiche strade, scandite dai piloni votivi, serpeggiano nella campagna, oggi resa ancora più monotona dalla monocoltura del mais. A voltarsi indietro, le montagne sono lontane e appena riconoscibili, ma svetta alle spalle la mole della Rocca di Cavour, come un’isola in un mare verdeggiante.
Il lungo corso Wuillermin porta a via Roma e al centro di Villafranca Piemonte, sorto a breve distanza dal corso del Po. L’esistenza di un porto fluviale è documen- tata dal XII secolo; questo era il punto di partenza dei valdesi verso le varie prigioni sparse per tutto il Piemonte.

Presso il Centro culturale valdese di Torre Pellice è possibile visitare Il Museo Storico valdese dove è posssbile ripercorre la storia della comunità valdese dalle sue origini medievali e racconta la Riforma nel più ampio scenario europeo, dal XVI secolo a oggi.

www.museovaldese.org

Foresteria Valdese

Indirizzo: Via Arnaud, 34, 10066 Torre Pellice TO
Telefono: 0121 91801
Sito web: foresteriatorre.org

Testimonianze

“Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Suspendisse non nunc metus. Aliquam vitae porttitor sapien. Quisque sed condimentum nunc. Nam tempor ex id dolor interdum semper. Mauris pharetra lorem tincidunt purus fringilla, et molestie ex aliquam. Integer hendrerit viverra mi at maximus.”

DANIELE VOLA - FOTOGRAFO

“Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Suspendisse non nunc metus. Aliquam vitae porttitor sapien. Quisque sed condimentum nunc. Nam tempor ex id dolor interdum semper. Mauris pharetra lorem tincidunt purus fringilla, et molestie ex aliquam. Integer hendrerit viverra mi at maximus.”

CATANIA MARCO - GRAFICO

“Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Suspendisse non nunc metus. Aliquam vitae porttitor sapien. Quisque sed condimentum nunc. Nam tempor ex id dolor interdum semper. Mauris pharetra lorem tincidunt purus fringilla, et molestie ex aliquam. Integer hendrerit viverra mi at maximus.”

SILVIA GIROLAMI - IMPIEGATA